logotype

Nova Schola Cantorum Basilica Cattedrale Nepi

Le nostre foto

Concerto per la fine dei tempi

 

 

 

Il “Concerto per la fine dei tempi” è un’opera di teatro totale, ovvero uno spettacolo in piena regola, in cui molteplici forme d’arte si integrano, interagendo tra loro, in una perfetta sinergia, a raccontare una storia, una vicenda.Si viene così a tracciare un “fil rouge” che lega i personaggi, le simbologie e le allegorie. Vivide pennellate compongono la scena come fosse una tela, narrando le illusioni tradite di un uomo, anzi dell’Uomo di questo primo scorcio di millennio. Le sue paure e le false chimere lo insidiano, conducendo il personaggio nell’abisso dell’oscurità. Gli stati d’animo derivati dalla forte suggestione dei testi, dall’intensità della colonna sonora e dalla carica coinvolgente del corpo di ballo oltre che dell’uso di linguaggi tecnologici propri dell’arte contemporanea, trasportano il pubblico stesso a misurarsi con quel percorso che Tizio, il personaggio principale, farà dentro e fuori di sé. La scelta di una rappresentazione a scena aperta (non c’è sipario e le scene si compongono di volta in volta sotto gli occhi del pubblico), rende l’impatto ancora più forte e toccante, riducendo ai minimi termini l’artificio teatrale. Inoltre molte delle scene e delle azioni si svolgono direttamente tra il pubblico o comunque al livello della platea. La tematica trattata è molto forte: la situazione di smarrimento dell’uomo in questi anni difficili di crisi economica, sociale, culturale e spirituale. L’assenza di speranza verso un presente privo di risposte e di un futuro privo di domande. Ma a spezzare quest’oscuro “loop”, giunge una luce, una donna dal volto celato. L’Amore tra i due strapperà alle tenebre Trizio, riaccendendo la curiosità di guardare negli occhi di lei: Eleos, la Misericordia. Attraverso la strada difficile ma fondamentale, l’uomo si confronterà con se stesso e con le sue stesse debolezze, trascendendole. I brani eseguiti dal coro, sono stati tutti riarrangiati in chiave prog ed accompagnati live dalla band rock- progressive “Il Giardino onirico”.

 

Regia e testi

Fabio Pugliesi

Grafica, video e costumi

Chiara Giovanale

Collaboratore e luci

Tiziano Caracciolo Torchiarolo

Collaboratore

Renato Concordia

Coreografie

Chiara Giovanale

Attori

Carlo Altomonte

Lori Venturi

 

 

 

Vedi le foto dello spettacolo

 

2018  novascholacantorum   - Powered by: ALTRESI'- Laboratorio creativo